VMS-OEV.CH IT

de fr it
Ufficio di notifica riservato del trasporto pubblico
Vai ai contenuti
Riservatezza - Sicurezza - Competenza
L'Ufficio di notifica riservato del trasporto pubblico, quale ufficio di comunicazione esterno, completa la notificazione interna delle imprese contrattuali e sostiene in tal modo il continuo miglioramento della sicurezza operativa nei trasporti pubblici.
Le ferrovie sono considerate un mezzo di trasporto molto sicuro. Tuttavia, le ferrovie si adoperano per migliorare costantemente il già sicuro esercizio.
Esperienza in altri settori
Nel settore aeronautico e in quello sanitario si è constatato che questo obiettivo sarà raggiunto se verranno rilevati tutti gli eventi critici durante l’esercizio e se le collaboratrici e i collaboratori che presentano una notifica non dovranno aspettarsi conseguenze negative. In molti casi, i collaboratori si affidano ad un ufficio di comunicazione esterno piuttosto che a un ufficio di comunicazione interno, in quanto hanno la certezza che il loro messaggio possa essere trattato senza risalire alla persona che effettua la segnalazione.
Storia del VMS
La Ferrovia retica (RhB) ebbe l'idea di creare per sé un Ufficio di notifica riservato esterno analogo a quello dell'aviazione, al fine di evitare incidenti, quasi eventi e condizioni di insicurezza, garantendo così un esercizio ferroviario sicuro e di alta qualità. Già dal marzo 2014 l'Ufficio di notifica riservato è a disposizione dei collaboratori della RhB.
La nostra offerta
L'Ufficio di notifica riservato del trasporto pubblico vms-oev.ch tratta le notifiche ricevute per le sue imprese contrattuali in modo confidenziale, rapido e orientato alla soluzione. In collaborazione con l'organizzazione di linea vengono proposte misure volte a migliorare e quindi a rendere ancora più sicuro l'esercizio ferroviario.
Vertrauliche Meldestelle öffentlicher Verkehr
Untere Limbergstrasse 1, 4461 Böckten, Svizzera
+41 79 223 13 14

Copyright © 2020 Vertrauliche Meldestelle öffentlicher Verkehr – Tutti i diritti sono riservati.
Torna ai contenuti